Enel irresistibile a metà, poi crolla con Cantù

Enel Basket

BRINDISI – Bis mancato per l’Enel Basket Brindisi che, nella quarta giornata del Campionato di serie A, cede ai padroni di casa della Chebolletta Cantù. Alla sirena, il risultato è di 84-80, figlio di un match duro e tirato, ben giocato dagli uomini di Bucchi per ben 3 quarti (con i biancazzurri sempre in vantaggio) e gettato alle ortiche nell’ultima frazione, quando Cantù mette sul parquet un maggior tasso tecnico e soprattutto, una freschezza fisica migliore.

Eppure, gli uomini di Bucchi partono alla grande. Nel primo quarto, ai padroni di casa non riesce un rimbalzo, mentre Reynolds in grande spolvero, la fa da padrone. La frazione finisce 11 a 24 e nella seconda frazione, la musica non cambia.

Reynolds continua a macinare gioco e punti e al riposo si va sul 35-44. Lo spartito, finora invariato, subisce una inaspettata variazione sul tema al rientro dagli spogliatoi. Cantù è un’altra squadra. Alza il ritmo e diventa più precisa al tiro. Enel, invece, sbaglia molto, e il vantaggio si assottiglia. L’ultima frazione comincia sul 55-58.

A Cantù riesce l’aggancio, poi allunga con Tabu e Brooks. Negli ultimi  120 secondi è un botta e risposta continuo, che va male ai biancazzurri. Nonostante un grande Reynolds, i padroni di casa raggiungono quota 84. Enel si ferma a 80, con la consapevolezza di una grande prestazione in casa di una delle squadra maggiormente accreditate per la vittoria del campionato che dopo 3 sconfitte consecutive, è ora tornata alla vittoria.