Doppio capoluogo, Pdl e Noi Centro si punzecchiano

BRINDISI – No alla Provincia a 2 teste, no all’ipotesi Doppio capoluogo, no a quell’accordo siglato a settembre con una semplice stretta di mano tra Massimo Ferrarese e i Sindaci Mimmo Consales e Ippazio Stefàno.

Le dichiarazioni rilasciate a Telerama dal Ministro alla Pubblica Amministrazione Filippo Patroni Griffi se, da un lato, son servite a fare chiarezza su quanto in tema di riordino, sia effettivamente possibile fare, dall’altro hanno infiammato nuovamente gli animi della politica brindisina.

Il management del Pdl, per voce dell’Onorevole Luigi Vitali e del Consigliere regionale Pietro Iurlaro, sono subito scesi in pista per rivendicare la loro posizione nel club di quelli che “l’avevano già detto”.

“Sul doppio capoluogo avevamo ragione noi – ha detto il Coordinatore provinciale azzurro – ma qualcuno ha preferito fuggire scaricando ad altri le responsabilità e l’onere di difendere il territorio”.

“Purtroppo – scrive invece Iurlaro – abbiamo avuto ragione noi del Pdl che sin dal primo momento, avevamo manifestato le nostre perplessità circa le sfavillanti dichiarazioni di chi per interessi personali, si affrettava a fare le valigie, piuttosto che preoccuparsi del destino del territorio.

Ora, pero, i nodi sono finalmente venuti al pettine. Sono certo che i nostri parlamentari sapranno, nelle sedi opportune, tutelare le ragioni di un territorio che negli ultimi mesi, si è ritrovato prima ad essere difeso malamente da chi, in un secondo momento, è addirittura fuggito via”.

Pronta la replica di chi, pur non nominato, si è comunque sentito punto. Il Coordinatore provinciale di Noi Centro Giuseppe Salonna. “Non riusciamo assolutamente, quindi, a comprendere l’esultanza e la gioia di Vitali e Iurlaro nell’apprendere questa notizia.

Il Ministro, infatti, oggi chiarisce che il Doppio capoluogo non è previsto dalla normativa, ma siccome non è scritto nemmeno il contrario, Vitali e Iurlaro dovrebbero sperare e spingere per ottenerlo e non per osteggiarlo.”

E ancora. “Invece di sbraitare dicendo solo menzogne e prendendo in giro i cittadini, affermando il contrario di quello che è accaduto il 7 agosto quando proprio Vitali ha votato quella legge che ammazzava la nostra Provincia e la nostra città capoluogo, si sarebbero dovuti muovere prima di quella data per evitare il disastro del quale – conclude Salonna – sarà vittima solo la nostra città e la nostra Provincia in tutta la Puglia”.

L’ultima parola sul tema, almeno per il momento, spetta a Vitali che replica brevemente al Coordinatore centrista. “Salonna e compagni o ci fanno o ci sono. Io credo la seconda”.

Alla prossima puntata.

 
Abitare Pesolino

2 Commenti

  1. ma sti poliitici tarantini fanno ridere non sanno che bastano solo 63km quadrati a taranto per far sopravvivere la provincia è sufficente che alberobello e locorotondo e aggiungiamoci pure cisternino cosi la valle d’itria si unisce, facciamo solo ridere se poco poco brindisi avesse questa possibilità già avevano fatto l’accordo con qualche comune….. VERGOGNAAAAAA

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*