Brindisi-Taranto, Consales ci crede ancora. Il Consiglio meno

consales

BRINDISI – Votata all’unanimità, in Consiglio comunale, la delibera in tema di riordino elaborata dall’Assise brindisina. Spariscono tutte le alternative in riferimento a Taranto o alla costituzione di una Macroprovincia.

Segno, verrebbe da pensare, che le parole del Ministro Patroni Griffi rilasciate a Telerama (di Doppio capoluogo non se ne parla. Non è previsto dalle legge.)

Abbiano, poi, influenzato il contenuto della delibera. Verrebbe da pensare, per l’appunto.

Perché tra la maggioranza di centrosinistra, pronta a sposare l’Opzione 2 teste sulla spinta del Presidente della Provincia Massimo Ferrarese, sono in molti pronti a giurare che quell’intervista non l’hanno neppure sentita.

O che, nel caso di specie, delle parole del Ministro che cambia idea più volte al dì, non c’è da fidarsi.

Inutile sottolineare come sul tema era la prima volta che Patroni Griffi veniva incalzato dalle domande di un giornalista. Brindisi va avanti per la sua strada. Che è in primis, come da deliberare, quella di dare mandato al Sindaco Consales di intraprendere ogni azione istituzionale e giudiziaria per scongiurare l’eliminazione della Provincia di Brindisi e la perdita del ruolo di capoluogo.

La scomparsa dal documento, delle alternative Doppia Provincia  o Macroprovincia  deve essere letta, secondo il Sindaco, proprio nella convinzione che in sede giudiziaria, qualcosa si possa ancora fare.

Ma il Sindaco che Patroni Griffi non l’ha appunto ascoltato, crede ancora fermamente che sia possibile lavorare con l’appoggio di Taranto, alla costituzione di quella che a settembre, Stefàno definì “la Provincia più importante d’Italia”.

Nel frattempo, si continua a deliberare anche in Provincia. E la spaccatura, un pò politica e un pò territoriale, è netta.

A Cisternino, si continua a puntare sula Brindisi-Taranto.

A Fasano, in attesa del referendum popolare indetto dall’Amministrazione per i giorni 13 e 14 ottobre, ci si aspetta un exploit per l’accorpamento a Bari. Potrebbe servire a poco o a niente. Tanto poi, alla fine, a decidere sarà il bistrattato Patroni Griffi.