Dimissioni Ferrarese, la politica si divide

massimo ferrarese

BRINDISI – Ferrarese lascia la poltrona di Presidente. Lascia prima che alla Provincia di Brindisi venga staccata la spina,  scatenando le reazioni della politica che condivide, critica e si rammarica di fronte a una scelta che a dire il vero, era già nell’aria da tempo.

Il suo addio fa accendere sentimenti opposti da sinistra a destra, passando per il centro.

“Non ci sarà più occasione di fare quel gioco di squadra che finora ha dato buoni risultati”, commenta dispiaciuto il Sindaco di Brindisi Mimmo Consales, che però comprende le ragioni delle dimissioni.

Dalla Segreteria provinciale del Pd, Corrado Tarantino lancia una nota di disappunto all’ex Presidente: “Mi sarei aspettato una maggiore condivisione dei problemi della Provincia; forse con una riflessione collegiale più approfondita, avremmo potuto evitare un simile epilogo. Tuttavia – aggiunge Tarantino – il laboratorio politico va avanti a prescindere dal destino e dalle scelte dei singoli”.

Dure e c’era da aspettarselo, le dichiarazioni del Coordinatore provinciale del Pdl, Luigi Vitali che punta il dito contro Ferrarese: “Queste dimissioni si commentano da sole, il Presidente avrebbe dovuto difendere la Provincia e, invece, scappa perchè non è in grado di garantirne l’autonomia”.

Laconico il commento del leader di Futuro e Libertà a Brindisi, Euprepio Curto che non azzarda giudizi: “Al momento – dice – non ho elementi per valutare la scelta  di Ferrarese”.

A favore del Presidente si schiera, invece, il Segretario regionale dell’Udc, condivendo la sua decisione ed elogiando il suo operato. “Ferrarese – afferma Angelo Sanza – ha dato dignità e slancio a una Provincia marginale. Sono convinto che da politico continuerà a lavorare per il bene di questo territorio”.

“Rinunciando al suo incarico – aggiunge Ciro Argese dal comitato provinciale dello Scudo crociato – Ferrarese è il primo Presidente in Italia a far risparmiare alla comunità circa 2 milioni di euro di stipendi della giunta e  del consiglio fino all’elezione della nuova Provincia accorpata.

Fondi che potranno essere destinati a tanti servizi per i cittadini. Dopo  aver tagliato in passato i costi della politica -conclude Argese – Ferrarese ha avuto il coraggio di dimettersi per consentire l’utilizzo di importanti risorse. Per questo l’Udc sarà al suo fianco”.