Soppressione Province, D’Attis: “Il Pdl brindisino non voterà la fiducia”

mauro d'attis

BRINDISI – Davanti a un doppio capoluogo che non può esistere, i parlamentari del Pdl sono pronti a non votare la fiducia sull’accorpamento. E’ quanto faranno Luigi Vitali e Michele Saccomanno, sempre se il Governo porrà la questione di fiducia.

Dopo le dichiarazioni del Ministro Patroni Griffi che ha escluso la possibilità di una ‘Provincia a 2 teste’, il Capogruppo del Pdl in Comune, Mauro D’Attis, anticipa le mosse dei deputati brindisini azzurri, spronando i parlamentari degli altri partiti a scendere in campo per salvare la Provincia.

D’Attis si sofferma sul dibattito del riordino, degenerato, a suo dire sia nei toni che nelle dichiarazioni a vuoto,  fatte solo con l’intento di conquistarsi i titoli dei giornali.

E non mancano a tal proposito, le critiche nei confronti del Presidente della Provincia, Massimo Ferrarese, e del Sindaco di Brindisi, Mimmo Consales che secondo il Capogruppo: “Hanno ignorato quanto deliberato dai Consigli provinciale e comunale”. “La lettera di Ferrarese al Presidente Monti – commenta ancora D’Attis – è l’ennesimo lancio di propaganda elettorale che nasconde l’inefficienza strategica da parte del Presidente e l’insipienza dei risultati autocelebrati”.

Le stoccate azzurre a Noi Centro tirano poi in ballo persino Masaniello: “I vari Muccio e Ferrarese si comportano come Masaniello, agitano le folle contro il re, per poi scoprire che in realtà ci vanno d’accordo”.

Accuse a parte, secondo D’Attis, la Provincia di Brindisi sembra ormai condannata a scomparire dalla cartina geografica: è per questo che, se lo scorso 7 agosto, Vitali e Saccomanno hanno dato fiducia al Governo sulla spending review, diversamente accadrà per il provvedimento che riguarda esclusivamente la soppressione delle Province.

E gli altri, cosa faranno?