Operai Ilva salgono a 60 metri e occupano altoforno

protesta operai

TARANTO – Una ventina di lavoratori dell’Ilva sono saliti a circa 60 metri di altezza, sulle passerelle dei nastri di carica dell’Altoforno 5 e del Camino E312. Le tute blu hanno appeso degli striscioni (fra le scritte c’è quella «Lavoro uguale dignità») e la bandiera tricolore.

I lavoratori si sono issati sulla cosiddetta ‘torretta di smistamento’ dell’Afo5, tra il nastro 11 e il nastro 12 dove avviene il caricamento dell’impianto.

Altri lavoratori stanno, invece, presidiando l’Altoforno 1.

All’Ilva, c’è tensione per il verdetto del Gip, atteso  nelle prossime ore. Per l’altoforno occupato secondo le disposizioni impartite dai custodi giudiziari il 17 settembre, è previsto lo spegnimento e il completo rifacimento per risanare l’impianto dal punto di vista ambientale.

Stessa cosa è prevista per l’Afo1, mentre per l’Altoforno3 sono previste la dismissione e la bonifica oppure, in alternativa, il suo completo rifacimento.