Rapina con sparatoria, arresto-lampo

antonio di cagna

MAGLIE (LE)  – E’  ancora in ospedale, ma guarirà in 30 giorni Donato Bello, vittima della sanguinosa rapina avvenuta ieri mattina nella tabaccheria di sua proprietà, a Maglie. L’uomo è stato raggiunto alla gamba da un proiettile esploso dall’autore del colpo, Antonio Di Cagna, di Scorrano, arrestato subito dopo, braccato dopo un inseguimento dai cc della stazione di scorrano.

L’uomo non aveva esitato a sparare dopo la reazione del titolare. Entrato nella tabaccheria con il volto coperto da un passamontagna arancione, aveva tentato di dileguarsi a bordo di un’Ape, trovata poi vicino casa a Scorrano.

Nel cruscotto c’era ancora il passamontagna.  Antonio Di Cagna, 36 anni, è stato trovato dai carabinieri, mentre camminava in bicicletta.

Per bloccarlo,  la pattuglia dei militari ha dovuto ingaggiare una colluttazione.