Doppio incarico a Garrisi, gli scontenti sul piede di guerra

garrisi

LECCE –  E’ bastato vederlo seduto in Prefettura come Commissario Ato Le/1 per cercare di arginare l’emergenza rifiuti che a Palazzo Carafa è riesplosa la rabbia dei mal pancisti. Gianni Garrisi finisce nel mirino degli scontenti della maggioranza di Paolo Perrone che non hanno esitato, nella mattinata, ad invocare riunioni di maggioranza per esaminare il caso ‘doppio incarico’ e far partire chiamate al Coordinatore provinciale del Pdl, Antonio Gabellone.

Risultato però irraggiungibile. E’  ‘il doppio incarico’ che fa litigare, quello dell’ex Assessore all’Ambiente che, non avendo avuto i numeri per essere riconfermato in giunta, ha però incassato sia la Presidenza della Commissione consiliare Ambiente che il prosieguo dell’incarico come Commissario Ato/Le1.

Carica che in genere è nelle mani del Sindaco, ma che Perrone scelse nella precedente consiliatura, di affidare allora Assessore all’Ambiente, cioè Garrisi, confermandogli poi la fiducia e dunque la postazione.

Ma l’ambo sulla ruota ambiente non è andato giù a chi attende da mesi le oramai famose deleghe, tanto promesse da Perrone, ma che mai parrebbero arrivare. E così i Consiglieri scontenti tornano sul piede di guerra, riunendosi fra loro e invocando riunioni di maggioranza. Ma non solo, c’è anche chi ha cercato di mettersi in contatto telefonico con il Coordinatore provinciale del Pdl, Antonio Gabellone.

E la questione, assicurano i ben informati, non finisce qui. Ora, insomma, toccherà al primo cittadino porre fine alla lunga attesa e affidare le deleghe oppure scegliere di rivedere il tutto.