Doppio capolugo, fumata grigia in Consiglio provinciale

consiglio provinciale taranto

TARANTO – Fumata grigia  per  il doppio capoluogo di Provincia Taranto-Brindisi. L’argomento, al centro del dibattito nel Consiglio provinciale  monotematico di Taranto, convocato sul tema del riordino, ha dato vita ad un acceso confronto e ad una molteplicità di pareri in aula.

All’assemblea hanno partecipato anche i  Sindaci dei 29 Comuni,  i Consiglieri regionali del Pdl Arnaldo  Sala, Pietro  Lospinuso e Gianfranco Chiarelli, il deputato del Pd Vico,  l’Assessore regionale Michele Pelillo.

Proprio l’Assessore al Bilancio, ha espresso una sostanziale non contrarietà all’ipotesi del doppio capoluogo e ha esortato l’aula: “A cogliere l’opportunità della Provincia unica” che con un  milione di abitanti, due porti, un aeroporto, diventerebbe una realtà di territoriale di primo piano.

Assolutamente a favore del doppio capoluogo, invece, come già anticipato nei giorni scorsi, il Sindaco di Taranto Ezio Stefàno: “La ‘Provincia a 2 teste’ – ha detto – è giusta, perchè  è giusto riconoscere dignità di capoluogo anche e Brindisi”.

No al doppio capoluogo dal Pdl: “Giusto riconoscere il ruolo unico a Taranto”,  ha detto il Consigliere  regionale Sala che pure ha rimarcato le affinità storiche, culturali ed economiche tra  Taranto e Brindisi.

Infine, il Presidente della Provincia, Florido: “L’orientamento maggioritario  dell’aula – ha  constatato –  è quello  del capoluogo unico. Ora bisogna ragionare su obiettivi e programmi”.