Scambio di favori Carafa-Celestini: Mino Frasca in odor di Sgm

logo SGM

LECCE – Mino Frasca in odor di presidenza di Sgm. La notizia su un possibile accordo chiuso sul nome del Consigliere provinciale si rincorre da giorni nei corridoi dei palazzi del Pdl, Provincia e Comune che, mai come in questa tornata amministrativa, hanno lavorato in forte sinergia, utilizzando le caselle a disposizione come camere di compensazione per garantire gli equilibri politici.

La campagna elettorale ha lasciato su campo numerosi scontenti, non solo a Palazzo Carafa, ma anche a Palazzo dei Celestini dove, la permanenza di Damiano d’Autilia a capo di Alba Service per garantire la quadra al Comune, non ha fatto altro che acuire i maldipancia di alcuni scontenti, fra questi il Consigliere neretino, in attesa da tempo del rimpasto della giunta di Gabellone, non ancora avvenuto.

A soccorrere Palazzo dei Celestini, ricambiando il favore ricevuto, sarebbe Palazzo Carafa, garantendo la presidenza di una sua partecipata, la Sgm, ad un esponente della Provincia.

Mino Frasca ha presentato istanza di partecipazione al bando per la selezione dei componenti del Cda. E la sua nomina, assicurano i ben informati, potrebbe arrivare presto al pari del possibile ingresso della penalista Francesca Conte nel Consiglio di Amministrazione.