Ancora grave l’imprenditore aggredito, continua la caccia all’uomo

fazzi

LECCE – Sono ancora gravi le condizioni di Giovanni Mauro, l’imprenditore 68enne di Gallipoli, ferito nel corso di una misteriosa aggressione nel parco della sua villa, in località ‘Macchiaforte’, non lontano da Baia Verde. 

Dopo l’intervento cui è stato sottoposto alla testa, è stato trasferito nel reparto di Rianimazione, al ‘Fazzi’ di Lecce. La prognosi è riservata.

Diversi i colpi inferti al capo con un oggetto appuntito, ma uno, in particolare, si è rivelato devastante.

Gli agenti del Commissariato di Gallipoli, insieme ai colleghi della Squadra Mobile di Lecce, hanno avviato immediatamente le indagini per ricostruire l’accaduto e dare un volto agli aggressori.

L’ipotesi più accreditata, al momento, sembra essere quella di una rapina sfociata nel sangue. All’uomo sarebbero stati tolti cellulare e denaro.

Privo di sensi, accasciato sul selciato, in una pozza di sangue: Giovanni Mauro è stato trovato così da un suo nipote. I familiari lo stavano cercando da diverse ore, preoccupati dal fatto che non rispondesse alle telefonate.

Un gesto inquietante, avvolto nel mistero. Gli aggressori si sarebbero ‘limitati’, per così dire, a portare via un cellulare ed il portafogli, senza entrare nella sua abitazione dove pure avrebbero potuto agire indisturbati perchè deserta.

Gli inquirenti non tralasciano alcuna pista. A non agevolare le indagini, noltre, la mancanza di testimoni e di telecamere di videosorveglianza.