Rissa in casa tra rumeni, 6 arresti

carcere brindisi

S.MICHELE SALENTINO (BR) – Cari, vecchi suppellettili. Tanto cari da scatenare il pandemonio all’interno di un’abitazione tra due famiglie rumene. A San Michele Salentino il trasloco si trasforma in una guerra civile con feriti e in 6 finiscono in manette per rissa e danneggiamento aggravato.

Oggetto del contendere i mobili e i suppellettili della casa in affitto di via Azarito, al civico 58. Una famiglia che subentra all’altra, la pretesa del possesso degli oggetti all’interno ed ecco servita una scena da film: prima la lite, le urla, poi un groviglio di  schiaffi, pugni e calci tra i componenti delle famiglie.

Tre uomini contro tre uomini, tutti residenti da almeno 6 anni a San Michele,  e assunti regolarmente come operai. Erano circa le 20.30 quando gli abitanti della zona hanno sentito strani rumori e grida e poco dopo hanno visto volare mobili per strada e sei scatenati che avevano perso il lume della ragione.

Da qui l’intervento dei carabinieri della locale stazione che hanno bloccato i protagonisti della rissa, tutti uomini tra i 20 e  i 42 anni. In seguito alle botte, uno di loro è finito all’ospedale ‘Perrino’ di Brindisi con una prognosi di 30 giorni, gli altri 5  invece si sono procurati lesioni guaribili in 5 giorni. Dopo le cure tutti e 6 sono stati condotti nel carcere di Brindisi.