Sondaggio on line, testa a testa Regione-Macroprovincia

sondaggio

1.700 voti on line: e la Regione Salento vola nelle preferenze dei navigatori, ma se la gioca testa a testa con la Superprovincia Brindisi-Lecce-Taranto. Anche i cittadini possono dire la propria e far sentire ai propri rappresentanti quale soluzione preferiscono tra le tante ventilate negli ultimi giorni.

È, infatti, on line da sabato scorso sul nostro sito www.trnews.it, un sondaggio per farvi esprimere sulle decisioni del Governo e sulla prospettiva che dovrebbe seguire il Salento.

In testa c’è, con 842 voti, una Regione con pieni poteri.

Subito dopo, con 702 voti, la Superprovincia.

Decisamente distaccate le opzioni delle tre province (120 voti) e due province Brindisi-Taranto e Lecce (36 voti), ovvero quella messa in atto dal Governo Monti.

Commenti

  1. Walter Cavallo scrive:

    Ritengo che una sola Provincia sarebbe la soluzione ottimale, anche perché unificherebbe gente e territorio con comune peculiarità, oltretutto servirebbe a bilanciare alla Regione ed in Parlamento lo strapotere dei rappresentanti baresi. La sola remora che ho sulla regione Grande Salento, deriva dal timore di avere un nuovo centro di potere e dal conseguente aumento dei costi per la collettività. Non dimentichiamoci che i Consigli regioni servirono soprattutto a occupare i trombati alle elezioni politiche che, come evidente anche in questi giorni percepiscono non solo retribuzioni esagerate perché eletti ma anche notevoli le indennità per le cariche che vengono a ricoprire nelle varie Commissioni, oltre ai benefit che, com’è stato appurato possono essere superiori alla definiamola mensilità. Alle famiglie sono stati richiesti sacrifici indicibili con l’aumento smisurato delle utenze, dei carburanti, dei servizi e delle altre imposizioni fiscali, mentre ogni giorni i non occupati aumentano sempre più ed è quasi impossibile dar un pasto ai figli e mandarli a scuola, e poi ci lamentiamo dell’aumento della micro criminalità, stanno addirittura togliendo i treni per il nord, come potranno i ns. compaesani trasferirsi in Germania con la borsa di similpelle, oltretutto sembra che i posti per dormire sotto i ponti siano già tutti occupati.