Ilva, ecco i legali per i cittadini nel processo sui veleni

comune-di-taranto

TARANTO – Un Consiglio comunale infuocato quello di ieri a Taranto. Un Consiglio che proprio non è piaciuto agli ecologisti tarantini. Non hanno condiviso l’atteggiamento di Ezio Stefàno che ha illustrato come il Comune abbia sempre tutelato lavoro e salute dei cittadini. Il disappunto arriva, senza troppo giri di parole, in apertura dei lavori dell’incontro in cui gli ambientalisti hanno presentato il pool di legali   che assisterà   i cittadini  nella costituzione di parte civile nel processo sull’inquinamento del siderurgico.

Nella equipe di avvocati, Valentina Stefutti: “Taranto ha preso coscienza, soprattutto  negli ultimi due anni. E noi siamo pronti a difendere i tarantini. È una città questa in cui – spiega ancora l’avvocato – ci sono troppe patologie.

I bambini nascono malformati”. E poi sul diritto al lavoro: “Con le bonifiche non solo si coprirebbero gli attuali posti di lavoro, ma sarebbe necessario anche più personale.

E inoltre, considerati i danni provocati dall’inquinamento agli allevatori e ai mitilicoltori, pongo una domanda a chi reclama la questione lavoro in merito alla eventuale chiusura della fabbrica: non sono lavoratori che vanno tutelati anche quelli?”.