A scuola tra i cantieri. E il bambino dove lo metto?

scuola dell'infanzia a castiglione

ANDRANO (LE) – È un cantiere, anzi, sono due cantieri aperti, a poche ore dall’inizio dell’anno scolastico. Sono queste foto eloquenti relative alle scuole dell’infanzia di Andrano e Castiglione a far infuriare la polemica e a far levare gli scudi da una parte dei genitori e dall’opposizione comunale: in queste condizioni, con scavi aperti, è impossibile ospitare i bambini a partire da giovedì 13 settembre.

I lavori serviranno a realizzare in entrambi i plessi, due impianti geotermici, attraverso i quali il calore del sottosuolo sarà convogliato in apposite pompe e servirà come energia rinnovabile per il riscaldamento e il raffreddamento degli ambienti.

Non più termosifoni, insomma, ma termoconvettori che, tuttavia, sono ancora da installare. Impraticabili gli spazi all’aperto: le trincee per le tubazioni interrompono il viale d’ingresso nella scuola dell’infanzia di Andrano. Assolutamente impossibile accedere, poi, nel giardino – che poco di giardino ha, essendo una lastra di cemento – della struttura della frazione.

L’appalto da 326mila euro, con finanziamento da parte del Mise, se lo è aggiudicato la ‘Edilcostruzioni srl’, con cui l’Amministrazione comunale ha stipulato il contratto il 16 aprile. La posa in opera della prima pietra è del 7 giugno scorso e la consegna dovrebbe avvenire entro il prossimo 16 ottobre. Ma, in tutto questo, c’è un però. Che si fa con gli scolaretti? Ancora, questa è la verità, non c’è nulla di deciso a pochi giorni dal rientro dalle vacanze e l’incertezza regna sovrana.

“Non è la prima volta che in corso di lezioni si eseguono lavori – attacca Mario Accoto, capogruppo dell’opposizione – ma il tutto è stato sempre fatto mettendo in sicurezza il cantiere. Stavolta, invece, si mette a repentaglio l’agibilità e la sicurezza della struttura. O trovano una soluzione  o giovedì i bambini lì non ci entrano”.

“Nessuno si preoccupi – ribatte il Sindaco Carmine Pantaleo – entro mercoledì una soluzione la troviamo e l’anno scolastico inizierà regolarmente. La situazione provvisoria non durerà più di 10 gg”.

“Mi aspettavo che i lavori fossero più celeri – dice, invece, il Dirigente scolastico Pasquale Ciriolo-. In mattinata ho avuto un incontro con alcuni assessori e ho chiesto che, perentoriamente, in queste ore mi dicano in maniera chiara con una comunicazione formale, che le sedi non siano disponibili. Solo così io posso programmare un’alternativa, che ho già proposto”.

La soluzione prospettata è ospitare temporaneamente  gli scolari di Andrano nella sede centrale delle scuole di Via del mare, i piccoli di Castiglione nei locali della ex scuola media della frazione. “Mi auguro, però, che si tratti solo di pochigiorni”, chiosa Ciriolo.