Mortale: guidava sotto effetto di droga, arrestato conducente

ospedale SS. Annunziata

GROTTAGLIE (TA) – Guidava sotto effetto di sostanza stupefacente Pietro Margherita, conducente della Smart finita fuori strada sabato sera. Incidente in cui ha perso la vita suo cugino, Giovanni Tocci, 25enne. Pietro Margherita, 21 anni di San Marzano di S.Giuseppe, è stato arrestato. Piuttosto gravi le sue condizioni. È ricoverato al ‘SS.Annuziata’ di Taranto. Secondo i medici, il giovane non è in pericolo di vita, ma resta riservata la prognosi. Tra gli esami clinici, anche il narcotest il cui esito ha dato la svolta alle indagini.

Il 21enne è risultato positivo ai cannabinoidi. Secondo le indagini della Polstrada, Margherita, dunque avrebbe fatto  uso di droga prima di mettersi al volante. A conferma di ciò, nell’auto gli agenti hanno trovato anche un piccolo quantitativo di hashish. Tutti elementi che hanno fatto scattare l arresto ai domiciliari presso l’ospedale di Taranto. E poi alle condizioni del conducente sarebbe da aggiungere anche l’alta velocità. La vittima, Giovanni Tocci, era atteso a casa quella sera, per festeggiare il compleanno di suo padre. Ma la festa è diventata un lutto. Il più terribile dei dolori come può essere la morte di un figlio.

Il corpo di Giovanni è stato ritrovato a 30 metri dall’auto. L’ impatto violentissimo contro un muretto lo ha fatto sbalzare fuori dall’abitacolo. Per lui non c’è stato nulla da fare. L’incidente  è avvenuto sabato sera intorno alle 19  sulla strada che porta da Grottaglie a S.Marzano di S.Giuseppe.