Festa in centro, rapina in periferia. Presa di mira tabaccheria

Ñ

FRANCAVILLA FONTANA (BR) – Fanno irruzione nell’esercizio, puntano le armi contro il titolare e incassato il malloppo, ben 700 euro in contanti, fuggono via a bordo di una scassata  Fiat Uno. Rapina flash, quella di ieri sera, a Francavilla Fontana. Due ignoti malviventi, con volto coperto e armati di pistole, hanno preso di mira la ‘Tabaccheria Argentina’, in via Aldo Moro, a poche centinaia di metri dalla caserma dei carabinieri.

I malviventi hanno però studiato il colpo nei minimi particolari. A quell’ora, la zona era praticamente deserta, per vie delle manifestazioni che, nel centro cittadino, avevano attirato le attenzioni tanto dei francavillesi, quanto delle forze dell’ordine, impegnate nel solito lavoro di ordine pubblico. Sono le 21 e un quarto.

La Tabaccheria,  ancora aperta e sita in rione ‘Peschiera’, in un punto tutto sommato isolato, si è trasformata in una preda troppo ghiotta per i rapinatori. Al loro arrivo, all’interno del piccolo locale, il proprietario, il 58enne Martino Argentina, la moglie del titolare e un cliente. Tutti e tre presi letteralmente alla sprovvista.

Mentre il primo furfante tallonava la porta di ingresso, il complice ha raggiunto il bancone, puntando l’arma al titolare costretto, sotto la minaccia della canna di fuoco, a svuotare il registratore di cassa. Arraffato il bottino, ben 700 euro in contanti, i due si sono immediatamente dileguati, a bordo di una vecchia Fiat Uno di colore rosso.

Immediato l’intervento dei militari della locale compagnia dei carabinieri, coordinati dal Capitano Giuseppe Prudente, ora sulle traccie del duo. Oltre all’auto utilizzata, probabilmente rubata, la testimonianza dei malcapitati ci restituisce la figura di due uomini di altezza e corporatura media, dal timbro di voce giovanile e, soprattutto, dalla cadenza francavillese. “Dacci i soldi o spariamo”, avrebbero detto.

Nessuna titubanza da parte del tabaccaio che, oltre al danno di natura economica e allo shock di vedersi puntata contro un’arma, accettando immediatamente le richieste dei due furfanti ha evitato conseguenze ben più serie.