Eni: incendio in raffineria operaio ustionato, è grave

eni taranto

TARANTO – Centralino dei vigili del fuco in tilt per una coltre di fumo nero sulla città, vista a chilometri di distanza, provenitre dalla raffineria dell’Eni. E,  infatti, intorno alle 10 è scoppiato un incendio in cui è rimasto gravemente ferito un operaio. Luigi Ancora, 44 anni, ricoverato in prognosi riservata al ‘SS. Annuziata’ di Taranto.

Ma viste le sue condizionini i medici non escludono il trasferimento al Centro grandi ustioni dell’ospedale Perrino di Brindisi. L’uomo, infatti, avrebbe riportato diverse ustioni di vario grado sul 50 % del corpo.

L’operaio al momento dello scoppio del rogo, era impeganto in un lavoro di manutenzione ordinaria di alcune valvole di una conduttura  che arriva ad un serbatoio di benzina, esterno alla raffineria. L’ immediatezza dei soccorsi ha evitato che il rogo si allargasse rapidamente provocando un’esplosione che poteva diventare incontrollabile.

Sono arrivati sul posto i vigili del fuoco dell’Eni e due squadre del distaccamento centrale di Taranto.  Ancora incerte le cause dell incendio. Oltre ai pompieri sono intervenuti i tecnici dell’Arpa, carabinieri e polizia che hanno apero le indagini.