Scoperti 11 lavoratori ‘in nero’ tra cui una minorenne presso resort del sud Salento

finanza

SUPERSANO (LE) –  Il loro ingresso nel resort, durante la cerimonia, è stato discreto.  I finanzieri della Tenenza di Casarano, ci tenevano a non rovinare la festa nuziale ai due sposi e ai loro convitati. Sapevano però che i sospetti sull’impiego di numerosi lavoratori ‘in nero’ nella struttura, avrebbero avuto conferma probabilmente in un giorno di grande affluenza.

E cosi è stato: ben 11 i lavoratori impiegati in nero scoperti nel resort di lusso a Supersano, dove  era in corso un banchetto nuziale.

E così tra una portata e l’altra e i brindisi  in onore dei due sposini i finanzieri hanno, per così dire,  ‘chiesto il conto’ al proprietario della struttura, un imprenditore del posto, identificando  camerieri, cuochi e tutto il personale necessario in eventi di questo tipo: 11 persone, tutte della zona, senza alcuni tipo di contratto : tra questi  6 uomini e 5 donne tra i 40  e i 20anni ed una ragazzina minorenne di 17 anni.

Per il titolare del prestigioso resort, una multa salata: l’impiego di manodopera ‘in nero’ e/o ‘irregolare’ è punito, infatti, con una sanzione che va  1.500 ai 12.000 euro per ciascun lavoratore, maggiorata di 150 euro per ogni giornata di lavoro effettivo, senza contare i costi dell’omesso pagamento dei contributi.

In questo caso, però, la sanzione è stata ancora più pesante:  sospensione dell’attività, perchè l ’impiego del personale in nero è risultato superiore al 20% del totale dei lavoratori presenti sul luogo.

Una pratica, a giudicare dai risultati ottenuti dalla Finanza, più che diffusa: dall’inizio dell’anno sono stati scovati  395 lavoratori completamente ‘in nero’ e  382 irregolari.

 

di Mariella Costantini