Schittulli a Monti: “Sulle Province è mancato il coraggio del Governo”

schittulli

BARI – Comune, Provincia, Regione: ognuno attendeva il momento di dire la sua sulle stringendi manovre che il Governo nazionale ha messo in campo in questi mesi per ‘salvare l’Italia dal baratro’, come ha spiegato lo stesso Premier,  incassando di buon grado le critiche positive ‘come quelle negative’.

A dare il via agli interventi ci pensa il padrone di casa, il Sindaco di Bari Michele Emiliano che, mai come quest’anno, parla già come fosse un Presidente di Regione. Gli ingredienti ci sono tutti: la soppressione dei Tribunali, l’Ilva, il NO alle trivelle.

Argomenti che poi vengono rilanciati, ma con gusto più spiccatamente nazionale, dal Governatore Nichi Vendola. “Ci opporremo alle trivelle – dice – per salvare l’ambiente, lo stesso al centro del risanamento dell’Ilva”.

 “Grazie ai miei alleati e grazie al doppio ai miei avversari – spiega Vendola – la collaborazione sta dando i suoi frutti ma ora spetta all’Ilva fare la sua parte”. Vendola non manca di ricordare Melissa e il doppio volto di Mesagne: una città che piange la vittima di un brutale attentato e che gioisce dei successi londinesi di un ragazzo di nome Carlo.

Ma l’intervento più duro lo fa il Presidente della Provincia di Bari Francesco Schittulli che rimanda al mittente  – che lo ascolta a pochi passi – la riforma delle Province: “E’ dettata dalla mancanza di coraggio istituzionale”.

Schittulli parla di un riforma che porterà solo uno spreco maggiore e non certo una spendig rewiev e ricalca ciò che ha detto 24 ore prima ai 20 Comuni interessati dall’area metropolitana: meglio due Regioni che una soppressione parziale di alcune Province  che ora saranno solo contenitori vuoti, mostri che non conseguiranno i risultati voluti.

Monti tornerà, dice. Ora la Fiera del Levante può aprire ufficialmente i battenti.