Pagliaro replica a Vitali : “Chi ricopre ruoli importanti deve essere pronto a sfide difficili”

Ringrazio l’onorevole Vitali per l’appoggio dimostrato in questi anni e per le belle parole spese nel suo ultimo comunicato. Ma non posso esimermi dal ribattere sul concetto, assolutamente discutibile, che relega la nostra battaglia al mondo dei sogni. Perchè anche i sogni, se si combatte con tutte le forze, possono essere realizzati.

All’onorevole vorrei ricordare che solo l’uomo privo di ideali rinuncia a sognare, ma anche che solo il politico foriero di idee, per quanto rivoluzionarie riformiste, può davvero abbracciare le esigenze dei cittadini e del territorio.

Piuttosto, è arrivato il momento di contrastare tutti insieme un decreto che affossa la cultura e la tradizione brindisina con l’unica alternativa possibile. La Regione Salento garantirebbe al territorio di mantenere intatta la sua importanza strategica, la sua identità, i suoi interessi.

Non è forse vero che l’attuale capoluogo si ritroverebbe svuotato, nel giro di poco tempo, da tutte le sue sedi istituzionali? Non è forse vero che il mercato immobiliare sarebbe destinato a crollare? Non è forse vero che la stessa provincia di Taranto sarebbe un mero contenitore di simboli, culture, storie scollate e poi malamente riattacate?

La politica deve avere cultura del lavoro per cambiare lo status quo, coraggio delle idee e deve sfidare la rassegnazione. Chi ricopre ruoli importanti deve essere pronto a sfide difficili, per fare l’ordinaria amministrazione non c’è bisogno di gente speciale. I nostri rappresentanti in parlamento dimostrino di esserlo.

Il politico che sogna è il politico che, anche navigando controvento, lotta per il bene del territorio, per una battaglia giusta e la porta avanti fino alla fine, fino alla vittoria. Il politico che sogna, e sono certo che Vitali ne sia ancora capace, è il politico che scende sul campo di battaglia (il parlamento) e si fa promotore della grande idea riformista che sta accarezzando tutto il nostro Salento.

Vitali sa bene che non è impossibile, basterebbe presentare un disegno di Legge ad hoc, come quello presentato da Adriana Poli Bortone. Come è già successo per il Molise che nel 1963 divenne Regione per volontà di tutti i suoi rappresentanti istituzionali.

Quello che serve in particolar modo in questo momento storico, sono politici con la testa piena di ideali e tanta voglia di fare. Non serve nient’altro. Anzi no, i sogni, appunto.

La visione per il futuro, la prospettiva per le prossime generazioni, ecco l’ingrediente segreto e assente nell’attuale classe politica. Un controsenso perchè, chi non sogna, non può farsi portavoce dei sogni dei cittadini.

Paolo Pagliaro

Presidente Movimento Regione Salento

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*