Dal Salento la verità su Persiceto: non fu strage partigiana

cimitero S.Giovanni in Persiceto

LECCE – Arriva dal Salento la prova che documenta che quella di San Giovanni in Persiceto (Bologna), non fu una strage ad opera di partigiani, risolvendo un lungo mistero legato alla resistenza italiana. Il laboratorio ‘Cedad’ di Lecce, infatti, ha effettuato un studio con il radiocarbonio  su 34 scheletri trovati in un campo nel 1962 e chiusi in una cripta nel cimitero del paese.

Si è sempre pensato che si trattasse di corpi di fascisti trucidati dai partigiani, tanto che nel 1963 venne celebrato anche un solenne funerale.

Le ossa sono state riesumate il 23 aprile scorso e le analisi leccesi datano le ossa ad un periodo che va dalla fine dell”800 all’inizio del 1100 dopo Cristo, scagionando così i partigiani da quello che per 40 anni è stato immaginato come un loro agguato.