Caso Edipower, la svolta che non ti aspetti: “Aia rilasciata il 7 agosto”

Edipower

BRINDISI – Il colpo di scena che non ti aspetti. La centrale Brindisi Nord ha ricevuto l’autorizzazione di impatto ambientale lo scorso 7 agosto. Peccato che a Brindisi nessuno ne sapesse niente. La scoperta, invero piuttosto tardiva oltre che clamorosa, è stata fatta dal sindaco Mimmo Consales che, dopo aver scritto al ministro dell’ambiente Corrado Corrado Clini per sollecitare la conclusione dell’iter propedeutico alla concessione dell’Autorizzazione, ha ricevuto un fax alquanto sorprendente.

Mittente, lo stesso ministero che ha reso noto come che l’AIA alla società Edipower sia stata concessa con decreto addirittura il 7 agosto e, quindi, un mese addietro. Come dire che, nelle scorse settimane, si è praticamente parlato del nulla. Così come del nulla si deve essere parlato nel vertice dello scorso mercoledì quando il primo cittadino, accompagnato dai capigruppo in consiglio, aveva incontrato i dirigenti della società milanese.

Anche prednedno per buona la tesi di un ritardo burocratico e comunicativo, per quale motivo nel corso dell’incontro non è emerso che la centrale Brindisi Nord aveva già ottenuto i permessi? Secondo Consales , la controparte aziendale ha volutamente omesso di comunicare quali intenzioni ha in relazione all’impianto di Brindisi, pur essendo ormai chiaro il processo autorizzativo a cui dovrà sottoporsi per continuare ad esercire la centrale.

Il sopsetto, cioè, è che Edipower voglia utilizzare fino in fondo tutto il tempo che le è stato concesso per poter ambientalizzare lo stabiliemnto, per poi non muovere un chiodo e non investire un solo euro per farlo realmente. Mentre la  vicenda Edipower si tinge, così, di colori sempre più foschi ed incomprensibili, il primo cittadino fa una promessa: a nessuno, dice Consales, sarà consentito di prenderci in giro, soprattutto in considerazione del fatto che ne vanno di mezzo la salute dei cittadini ed il posto di lavoro di centinaia di persone.

Ed ecco la richiesta di un nuovo incontro con Edipower, stavolta, però, alla presenza del Prefetto Nicola Prete, degli Enti locali, delle organizzazioni sindacali e della associazione di categoria”.