Calcio nel caos: De Finis lascia, Roma ci pensa

brindisi calcio

BRINDISI – E’ caos nel Città di Brindisi. Il socio di maggioranza De Finis ha infatti ufficializzato il suo disimpegno dal calcio brindisino, inviando una lettera di dimissioni irrevocabili che spiegano i motivi della sua decisione.

“Il progetto dello scorso anno, quello a cui avevo aderito, non esiste più. Per questo vado via”, ha detto l’imprenditore foggiano, in realtà già dimissionario dallo scorso giugno.

Ancor incerta, invece, la posizione del Presidente Giuseppe Roma, evidentemente scosso dall’attentato all’azienda di famiglia, la Bri.Ecologica, in fiamme lo scorso sabato.

L’idea che sta maturando è quella di lasciare la presidenza e di porre fine all’avventura iniziata la scorsa estate. A questo punto, restano da chiarire anche le posizioni dell’imprenditore italo-tedesco Sciacca e del quarto socio, Galluzzo.

L’unico, probabilmente, ancora sicuro di voler proseguire nel progetto biancazzurro. Continuano intanto le indagine atte a stabilire se l’incendio di sabato è stato di natura dolosa o meno. Gli investigatori della Digos, coordinati dal Vicequestore Vincenzo Zingaro, non trascurano alcuna ipotesi.

Insomma, il clima in vista della trasferta di sabato in Campania, non è dei migliori. Sotto l’aspetto tecnico, Francioso è ancora alle prese con il nodo Villa, ancora in attesa del transfert.