Tenta di uccidere il vicino col machete: arrestato 64enne a Tricase

SCIURTI ROCCO..

TRICASE (LE) – Un’accusa pesante, quella di tentato omicidio aggravato, per un 64enne di Tricase, Rocco Sciurti, arrestato dai carabinieri dopo l’ultima, sanguinosa lite, col vicino di casa. Ultimo atto di una serie di contrasti e discussioni nati sempre, così sembra, per futili motivi. Ma quanto accaduto nelle scorse ore, non se lo aspettava nessuno.

Probabilmente nemmeno la stessa vittima, un ragazzo di 26 anni, colpito alla testa con un machete, trasportato d’urgenza, in codice rosso, fino al pronto soccorso dell’ospedale ‘Panìco’ di Tricase, con un taglio profondo alla base del cranio. Solo pochi altri centimetri e l’arma avrebbe potuto raggiungere le ossa, con conseguenze decisamente più gravi.

L’aggressione è avvenuta a Tricase, in una palazzina della zona 167. Il 64enne, che poco prima aveva avuto l’ennesima discussione con il vicino più giovane, gli ha teso una sorta di agguato nel portone di casa. Ha atteso che rientrasse con la madre, per scagliarsi contro colpendolo con la mannaia.

È stata la stessa donna, terrorizzata, a chiedere aiuto ad alcuni passanti che immediatamente hanno fatto da scudo al ferito mentre l’aggressore continuava a minacciarlo. Nel frattempo sono arrivati i carabinieri della Compagnia di Tricase, diretti dal Cap. Andrea Bettini.

I militari del radiomobile, una volta sul posto, hanno bloccato e disarmato Sciurti che nel frattempo continuava a brandire la grossa lama. Inevitabili le manette. Il 64enne, assistito dall’Avv. Toni Indino, non solo risponde di tentato omicidio aggravato, ma anche di porto abusivo di oggetti atti ad offendere.