Eroina in auto e a casa, arrestato Comandante dei Vigili di S.Donato

arresti s.donato

SAN DONATO (LE) –  Tre chili e mezzo di eroina e un arresto eccellente: Cosimo Damiano Montinaro, il Comandante della Polizia municipale di San Donato. La droga era in parte nell’automobile. Quando domenica pomeriggio, un Maggiolone nero è stato bloccato e perquisito sulla rotatoria d’ingresso a Poggiardo, gli uomini del Goa, il Gruppo Operativo Antidroga della Guardia di finanza, facenti parte del Gico (Gruppo d’investigazione sulla criminalità organizzata) del Comando provinciale di Lecce, non  avrebbero mai immaginato di trovare 2 panetti di eroina. Un chilo per l’esattezza.

Alla guida dell’auto c’era proprio il Dirigente della Polizia Municipale, classe ’61, due condanne patteggiate nel ’98 (una ad 11 mesi con l’accusa di corruzione per atto contrario ai doveri d’ufficio e falsità ideologica; l’altra a un anno in continuazione – con pena sospesa – con l’accusa di falsità materiale e poi un’indagine già archiviata, per presunte minacce al Sindaco di San Donato).

Accanto a lui c’era un giovane di origini albanesi, ma da tempo residente a Lecce Edmont Beshaj, 28 anni. Entrambi sono stati subito arrestati nel corso di un’operazione coordinata dal Comandante del nucleo di Polizia tributaria della Guardia di finanza di Lecce, il Colonnello Vito Pulieri.

 Il resto della droga, altri 2 chili e mezzo di eroina, è stato rinvenuto nella residenza estiva di Montinaro, a Roca, marina di Melendugno. Una parte in un borsone nell’armadio, il resto in una cassapanca, tutta già divisa per panetti. In casa del 28enne, invece, non c’era nulla. Addosso aveva 750 euro, presunto provento dell’attività di spaccio, che sono state sequestrate.

L’interrogatorio di convalida degli arresti, su richiesta del magistrato di turno, la dottoressa Francesca Miglietta, si terrà nelle prossime ore davanti al gip Giovanni Gallo. Intanto le indagini delle fiamme gialle vanno avanti per capire che tipo di scenario c’è dietro l’episodio che si è verificato e  tutta la droga rinvenuta.