Continua strage cani randagi, l’allarme della ‘Pro Loco di Lama’

randagio morto

LAMA (TA) – “Se la civiltà di una popolazione si misura anche dal suo rapporto sano col mondo animale e vegetale possiamo dire con amarezza che Taranto non è civile. Ma quale turismo possiamo incrementare se il nostro territorio è invaso dai randagi vivi e adesso anche morti?”. Questa la denuncia della ‘Pro Loco di Lama’ che ha diffuso la foto di un cane randagio da giorni morto e dissanguato abbandonato via Girasoli.

“Sono giorni che i cittadini bombardano di telefonate, per la rimozione del cane morto, i vigili urbani di Lama, ma il cane è ancora lì”.

Da qui la nota di Giovanna Bonivento Pupino, Presidente Associazione Turistica ‘Pro Loco di Lama’: ” Faccio un appello alla stampa, alla Asl, all’Assessorato all’Ambiente e Salute e Qualità della Vita , all’Amiu ed ovviamente al primo cittadino Dr. Stefàno come responsabile della salute cittadina”.