Lecce, porte girevoli Cacia va, aspettando rinforzi

cacia

LECCE – “Preferisco non dire tutto quello che penso: voglio evitare per il bene del Lecce. Su quello che è successo stendiamo un velo pietoso, aspettando di conoscere l’evolversi della vicenda. Ora concentriamoci sulla Lega Pro”.

Così Savino Tesoro ha spiegato la sua rabbia per la decisione di far giocare Spezia-Vicenza senza aspettare il pronunciamento del Tnas nel 3° ed ultimo grado della giustizia sportiva.

A seguito sono arrivate le parole di Abete: “Se il Tnas ribalterà la sentenza, ci comporteremo di conseguenza”. Un vano tentativo di correggere il tiro, dal momento che Spezia-Vicenza si giocherà regolarmente questa sera per il primo turno di B. (si è giocata… questa/ieri sera).

Il Lecce, dal canto suo, il ricorso lo ha presentato, non lasciando nulla di intentato nonostante quella che Antonio Tesoro ha definito come ‘più che una prevaricazione’. Ma se le battaglie in Tribunale, con annesse polemiche vanno avanti, è bene che la squadra e il tecnico si concentrino sulla prima di campionato con la Cremonese: si lavora sulla Lega Pro, tutto il resto – se e come verrà – sarà oro colato.

Il calendario, tra l’altro, propone una partenza-sprint, con il testa a testa al ‘Via del Mare’, con una delle concorrenti più accreditate al vertice. Ad inizio settimana si registrerà una decisiva accelerazione sul mercato, con l’arrivo delle pedine annunciate ieri in conferenza stampa. Un terzino destro e due centrali: esigenze prioritarie, che sarebbero state tali anche in caso di B.

In queste ore, poi, si evolverà anche la situazione dei 5 calciatori gestiti da Semeraro, le cui eventuali partenze dovranno essere rimpiazzate. In uscita, intanto, una buona notizia alle porte. Il club potrebbe finalmente liberarsi presto dell’ingaggio di Daniele Cacia: ingaggio importante ed oneroso, nonostante l’attaccante non sia per forza di cose, una risorsa tecnica.