Il ballo del ‘Qua Qua’ a difesa del mare pulito

porto-cesareo

PORTO CESREO (LE) – Un ballo del ‘Qua Qua’ in riva al mare per difendere le acque di Manduria e Porto Cesareo: è l’originalissima protesta ideata per domattina dall’associazione ‘Grande Salento’ con sede ad Avetrana per sottolineare la propria opposizione al progetto di scarico in mare delle acque reflue del depuratore di Manduria, sulle estreme rive meridionali della provincia di Taranto, confinanti con le spiagge di Porto Cesareo.

Il tutto, dopo le polemiche in salsa di canzoni pop tra Romina Power, l’Assessore regionale Fabiano Amati e Al Bano Carrisi. Amati aveva liquidato la lettera aperta di Romina Power a Vendola, dicendo che la depurazione è una cosa seria, non è il ballo del ‘Qua Qua’. Una battutaccia alla quale aveva replicato irato lo stesso Al bano, sottolineando che il ‘Qua Qua’ della canzone è quello dei politici che chiacchierano e non fanno.

Ora l’associazione ‘Grande Salento’ prende la palla al balzo: “Meglio il ballo del ‘Qua Qua’ di una cantante – dice il Presidente Rino Giangrande – che il  quaqquaraquà di un politico”.

E con questo slogan, domani ambientalisti e villeggianti, bagnanti e militanti sono invitati in spiaggia per un ballo del ‘Qua Qua’ in difesa del mare pulito.

Commenti

  1. tony scrive:

    Sono contento che finalmente si riparla del problema cronico che imbarazza tanta gente.
    Ve l’ho dice un ex amministratore com.le che ha accumulato tanto abile.