Ferragosto: al mare, ma con moderazione… tutta colpa della crisi

san cataldo

SAN CATALDO (LE) – Un Ferragosto che si rispetti va celebrato in spiaggia. Mare, sole, relax, divertimento, amici e risate: questo il mix perfetto per festeggiare l’estate. Eppure, dietro al sorriso, si intravede la crisi. Piccoli, ma significativi dettagli di cui ci si rende conto già sulla strada che porta verso il mare, San Cataldo.

Prova traffico brillantemente superata. Non si può dire altrettanto, però, per la spiaggia libera. Pochi ombrelloni e meno bagnanti rispetto agli altri anni. C’è chi dà la colpa alla alghe copiose, fin troppo sulla battigia, e punta il dito contro l’Amministrazione comunale di Lecce.

“Nei giorni scorsi abbiamo chiesto l’intervento dell’Ufficio di igiene”, ci dice una turista, ma la situazione non è cambiata. Qui è uno schifo”.

Per altri, invece, il calo di affluenza è da addebitare alla crisi attuale. “Non ci sono soldi nemmeno per mettere benzina” commenta un altro signore “e passa la voglia di fare la classica gita di mezza estate”.

Nonostante tutto, qualcuno ha raggiunto il mare, facendo un tuffo fra le onde e perchè no, anche nel passato, pescando ricordi ed emozioni.

“Il mio Ferragosto del cuore? – dice un brizzolato e sorridente signore di mezza età – tutti quelli trascorsi con i miei genitori che ormai non ci sono più. Era davvero un giorno di festa e noi bambini lo aspettavamo con ansia…”