Fuoco e paura. In fiamme la pineta di Marina Serra. Ad Alliste, famiglia bloccata in casa

incendio pineta

MARINA SERRA (LE) – Fiamme alte, fumo dappertutto, un vero e proprio inferno. A fuoco la pineta e la macchia di Marina Serra, non lontano da Tricase. Le fiamme hanno letteralmente divorato alberi, vegetazione, zona boschiva e sterpaglie.

Sul posto sono intervenute diverse squadre di vigili del fuoco, impegnate a lungo nelle operazioni di spegnimento, rese difficili dalla posizione della pineta. Il rogo si sarebbe concentrato, infatti, su un’area molto estesa, ma difficilmente raggiungibile via terra, tanto che è stato necessario l’intervento di due canadair per controllare la situazione dall’alto.

Sulla natura dell’incendio sono in corso specifici accertamenti. Sta di fatto che il forte vento di tramontana ha alimentato le lingue di fuoco, tanto da impensierire alcuni villeggianti le cui abitazioni sorgono non lontano dall’area interessata dalle fiamme.

Vigili del fuoco, uomini della forestale e volontari, una volta domato l’incendio, hanno provveduto alla messa in sicurezza della zona. Operazione portata a termine con successo, senza nessuna particolare conseguenza per i residenti.

Movimentata anche la nottata, sempre nel sud Salento, stavolta ad Alliste. Momenti di paura per una famiglia del posto, rimasta intrappolata in casa a causa di un incendio divampato nel garage.

Le fiamme hanno raggiunto il primo piano. Cinque persone, padre, madre e tre figli, si sono rifugiati sul balcone. Tempestivo l’intervento dei vigili del fuoco che hanno tratto in salvo la famiglia, anche se per alcuni di loro sono state necessarie le cure del 118 per un principio di intossicazione. Potrebbe trattarsi di incendio doloso. In tal senso si attendono conferme dalle indagini avviate dai carabinieri della Compagnia di Casarano, coordinate dal Cap. Aniello Mattera.

Inizio di settimana infuocato, dopo il devastante incendio che ieri ha raso al suolo un supermercato a Torre San Giovanni. I locali di ‘Lungomare Annibale’ sono stati completamente distrutti nell’incendio divampato per cause accidentali. A scatenare il rogo, sarebbe stata una fuga di gas partita dalle bombole utilizzate per i polli allo spiedo. I danni sono ingenti ed i locali sono ancora inagibili. Come parte delle abitazioni vicine raggiunte dalle fiamme.