Incendi e minacce per estorcere denaro, arrestato 45enne

QuattroStelle

BRINDISI – Per mesi aveva tentato di estorcere denaro con gravi minacce e atti intimidatori, ma la sua vittima non ha ceduto ed ha denunciato tutto alla polizia. Ora dopo accurate indagini ed intercettazioni, Walter Leo 45 anni di Brindisi è stato arrestato. Leo lo scorso febbraio aveva tentato di spillare 500 euro come pagamento di presunti danni causati da un incidente stradale a Giovanni Ribezzi, 56 anni , titolare  di una vetreria in via Grazia Balsamo  a Brindisi.

Danni mai accertati e comunque non esigibili visto che l’automezzo di Leo era privo di copertura asssicurativa. In quell’occasione, lo si evince dalle intercettazioni telefoniche, Leo aveva minacciato Ribezzi di dar fuoco al negozio e al camion di proprietà di quest’ultimo. Alle minacce nei mesi successivi erano seguiti i fatti. Il 3 maggio scorso nel cuore della notte a Brindisi, le fiamme avevano avvolto il furgone Fiat iveco di Ribezzi parcheggiato in via Gracchi. Le lingue di fuoco alte diversi metri, hanno persino raggiunto una palazzina annerendone la facciata sino al secondo piano e  costringendo i residenti ad evacuare gli appartamenti.

Nel mese di giugno poi le indagini hanno portato gli investigatori a stringere il cerchio intorno a Leo che è stato convocato in Questura per essere interrogato. Dopo l’interrogatorio, l’uomo ha telefonato a Ribezzi minacciando lui e la sua famiglia se avesso reso dichiarazioni contro la sua persona ed ammettendo tra l’altro le sue responsabilità nell’incendio del furgone.

Raccolte così  le prove il Gip del tribunale di Brindisi Paola Liaci ha emesso l’ordinanza di custodia cautelare in carcere. Walter Leo è stato arrestato ieri, dopo che nei giorni scorsi era stato fermato a bordo di un motociclo rubato che ha portato anche ad una denuncia a suo carico per ricettazione. Ora Leo si trova nel carcere di Brindisi con l’accusa di tentata estorsione, incendio doloso e minacce gravi .

 

di Lucia Pezzuto

 

 

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*