Omicidio di Melissano, moglie indagata a piede libero

ospedale-casarano

MELISSANO (LE) – Sarà eseguita nelle prossime ore dal medico legale Roberto Vaglio, l’autopsia sul corpo di  Mario Manco, 73 anni, autotrasportatore in pensione di Melissano ucciso a coltellate nella sua abitazione probabilmente venerdì. Intanto il Sostituto procuratore Giovanni Gagliotta, ha scritto sul registro degli indagati la moglie della vittima Memet Fitnet, la 52enne albanese con l’accusa di omicidio volontario.

La donna  è ricoverata in osservazione presso l’ospedale di Casarano. Secondo i medici non corre pericolo di vita, ma il suo stato psicologico è fortemente alterato. Quando è stato scoperto l’omicidio, sabato mattina, aveva entrambi i polsi recisi e delle ferite sul petto. Molto probabile che avesse provato ad uccidersi con lo stesso coltello che sarebbe stato usato per assassinare il marito, poi non riuscendovi, avesse deciso di farla finita con la  lametta.

Potrebbe essere questa la dinamica del terribile omicidio e tentato suicidio che ha sconvolto la comunità di Melissano, dove Mario Manco era molto conosciuto. A fare la terribile scoperta, è stato il nipote dell’ uomo allarmato dallo strano silenzio degli zii. Una volta entrato in casa si è trovato di fronte una scena terribile, macchie di sangue ovunque e la coppia che giaceva insieme sul letto. Marito e moglie erano uno accanto all’ altra.

L’ uomo ormai senza vita da diverse ore, la donna a vegliarlo, priva di sensi, probabilmente in attesa della morte. Al vaglio degli uomini del nucleo investigativo dei  carabinieri che stanno conducendo le indagini, il possibile movente dietro al disperato gesto. La gelosia della donna nei confronti del marito, la malattia di questo, ma anche la paura di perdere l’eredità dal momento che il loro matrimonio sarbbe stato celebrato in Albania, le ipotesi al momento prese  in considerazione. Nell’abitazione sono state anche rinvenute dagli inquirenti inquietanti scritte sui muri: “Ho fatto 5 anni da schiava”. Scritte che potrebbero fornire una nuova chiave di lettura al folle gesto.