Un altro annegato, continua la strage del mare

RISTOLA

S. MARIA DI LEUCA (LE) – Un tuffo nella splendida zona di Punta Ristola a Santa Maria di Leuca, un malore fatale, e poi la morte per annegamento. Antonio Serracca, 82 anni, pensionato di Gagliano del Capo , è  l’ennesima vittima di un mare che continua ad uccidere.
In   vacanza a Santa Maria di Leuca insieme alla famiglia, questa mattina aveva raggiunto i pressi della rinomata ‘Grotta della Porcinara’ e si era gettato  in acqua. Pochi minuti ed è morto annegato. Il suo corpo ormai privo di vita è stato avvistato da alcuni bagnanti. Galleggiava tra le onde. Per il pensionato non c’è stato nulla da fare. Era ormai morto quando dopo la segnalazione una motovedetta della Capitaneria di porto lo ha raggiunto e recuperato a bordo. Inutili anche i tentativi di soccorso del 118, con un ambulanza che aspettava a riva.

Antonio Serracca si aggiunge alla drammatica scia di morti in mare che sta funestando l’estate salentina. Sei annegati in soli 8 giorni. Sabato pomeriggio, la drammatica morte della 15enne di Surbo Giulia Colucci, nel mare di Torre  Chianca:  ad ucciderla mentre faceva il bagno con le amiche, probabilmente una congestione.

Domenica scorsa, la  morte di Giuseppe Vantaggiato fratello dello stragista di Brindisi, sulla spiaggia di S. Isidoro, poi a ruota, ora dopo ora,  la morte a Torre dell’ Orso del turista 19enne, del finanziere di Galatone  Sandro Foggiaro a Torre Colimena e di Antonio Mandorino, di Galatina, morto nel mare di Gallipoli.