Morto in spiaggia il fratello di Giovanni Vantaggiato

torresantisidoro2

S. ISIDORO (LE) – È morto in spiaggia, stroncato da un malore improvviso mentre nuotava a pochi metri dalla riva in un lido di S. IsidoroGiuseppe Vantaggiato, 73 anni, fratello di Giovanniautore dell’attentato alla Morvillo-Falcone di Brindisi. L’uomo, professore di matematica residente come il fratello a Copertino, è morto in tarda mattinata, intorno alle 12.00 sotto gli occhi di decine e decine di bagnanti. Era al mare, per qualche ora di ristoro, per lasciarsi alle spalle le preoccupazioni e quella tragedia che si era abbattuta all’improvviso sulla sua famiglia  dopo la confessione del fratello. Un’onta, una macchia scura calata su una famiglia, la sua , serena e tranquilla, ormai lontana dalla vita di quel fratello che da anni si era fatto terra bruciata intorno, isolandosi da tutti, parenti compresi.

Giuseppe Vantaggiato,  sin dalle ore successive alla cattura ed alla confessione del fratello,  intervistato dalle maggiori testate, era stato chiaro: “Con mio fratello ho chiuso i rapporti da tempo, il suo carattere e le sue escandescenze erano diventate insostenibili”.

Suo malgrado salito agli onori della cronaca, aveva continuato la vita di sempre, svolgendo in paese le  mansioni  quotidiane, quelle di un professore di matematica ormai in pensione che aveva cresciuto generazioni di studenti. In paese era conosciuto da tutti.  Il terribile gesto del fratello e tutto cio che ne è seguito indubbiamente hanno avuto delle ripercussioni sulla sua salute.

Nonostante l’intervento dei bagnanti che lo hanno tirato fuori e nonostante l’arrivo di un’ambulanza, Giuseppe Vantaggiato è morto annegato. Sul posto anche i Carabinieri, che ora stanno accertando come siano andate esattamente le cose.

di Mariella Costantini

 

Commenti

  1. Vincenzo scrive:

    Quante scorrettezze in questo articolo! come la morte per annegamento e la storiella dell’ONTA SULLA FAMIGLIA! Siate più obiettivi e meno fantasiosi please!