Lerda: “Il mio Lecce sarà aggressivo e propositivo”

lerda

LECCE – Dopo un anno sabbatico Franco Lerda torna a guidare una squadra. Per le prossime due stagioni sarà l’allenatore del Lecce, voluto dalla famiglia Tesoro che lo aveva conosciuto sulla panchina della Pro Patria. “Riponiamo molta fiducia in Lerda – afferma Antonio Tesoro responsabile dell’area tecnica dell’Us Lecce – è un uomo che se potesse, lavorerebbe 20 ore al giorno”.

Dopo l’esperienza con la squadra presieduta dai Tesoro, Lerda ha guidato anche Crotone e Torino. “Sono fiero e orgoglioso di ripartire da Lecce, una piazza importante”, dichiara il nuovo tecnico giallorosso.

Lerda farà i conti con un calcio mercato che a Lecce sarà ancor più statico per via delle vicende sul calcioscommesse. “Non voglio sentir parlare di altre categorie – continua Lerda – ora siamo in serie B, ma non possiamo operare come vorremmo, dobbiamo avere un pò di pazienza”.

Se questa fosse la squadra da allenare per tutta la stagione, ci sarebbero da fare solo piccolissimi ritocchi. “Una base con giocatori esperti e di qualità ce l’abbiamo”, aggiunge il tecnico giallorosso.

A Lerda manca un difensore di fascia destra che potrebbe arrivare entro il fine settimana, ma la rosa subirà delle modifiche strada facendo. “Ci sono giocatori come Jeda, Cacia, Ofere che hanno dei costi importanti ed eccessivi”,  spiega Antonio Tesoro anche amministratore delegato della società giallorossa.

Di Michele non rappresenta in questo momento una priorità, ma è gradito sia dal tecnico sia dalla proprietà. “Il matrimonio si può fare”, afferma Antonio Tesoro. E Lerda aggiunge: “Mi ritrovo a Lecce un calciatore integro e con una gran voglia di fare bene”.

Sulla sua lavagna tattica ha già disegnato la linea difensiva composta da 4 uomini e da un quartetto di centrocampo in linea o a rombo.

Del suo staff farà parte Fabrizio Lorieri, il vice Giacomo Chini e il preparatore atletico Franco Giammartino, arrivato a Lecce con l’ex Di Francesco.

di Tonio De Giorgi