Vantaggiato conferma la bomba a Parato e parla di ‘associazione di truffe’

giovanni-vantaggiato

BRINDISI – Ha ammesso così, come aveva già fatto il 18 giugno scorso, di essere stato lui l’autore dell’attentato a Cosimo Parato. Giovanni Vantaggiato, interrogato in carcere dal Pm Milto De Nozza e il Gip Paola Liaci, racconta nuovamente le fasi dell’attentato del febbraio 2008, quando mise una bomba nell’intercapedine di una bicicletta nel cortile dell’abitazione a Torre Santa Susanna di Cosimo Parato.

Il movente sempre lo stesso, quella truffa di 320mila euro per una partita di carburante data a Parato e mai da questo pagata. Vantaggiato offre nuovi dettagli di questa vicenda e parla di un’associazione dedita alla truffa di Torre Santa Susanna, che vedrebbe a capo proprio Parato. Un’associazione che lo aveva  truffato, dice che è composta da 5 persone, oltre che da Parato, dalle sue due figlie, dal Maresciallo dei carabinieri Sebastiano Fiorita e da Francesco Greco. Alla domanda del giudice, perchè solo contro Parato, lui risponde che aveva cercato Greco ma non lo aveva mai trovato, mentre di Fiorita aveva paura perchè aveva un’arma essendo un militare. Nel processo sulla truffa subita da  Vantaggiato, il carabiniere è stato prosciolto mentre Parato è stato condannato in primo grado a due anni e due mesi di reclusione.

Intanto, il legale di Vantaggiato Franco Orlando,  subito dopo l’interrogatorio di garanzia ha fatto sapere che non intende presentare ricorso al Riesame per questo nuovo provvedimento in carcere giunto per il 68enne di Cpertino. L’uomo, racconta il suo avvocato, è molto provato non solo psicologicamente ma anche fisicamente, sino ad oggi in carcere ha incontrato una sola una volta la moglie.

Intanto,  migliorano le condizioni di salute delle ragazze rimaste ferite nell’attentato alla scuola Morvillo Falcone. Anche la più grave Veronica tra qualche giorno dovrebbe lasciare l’ospedale di Pisa, ma la sua situazione resta delicata. Mentre, per quanto riguarda il fronte degli aiuti alle famiglie per le cure, l’assicurazione della scuola ha incaricato il medico legale Antonio Carusi a effettuare nei prossimi giorni delle visite mediche per poter stilare la relazione sulle loro condizioni, affinchè, il perito possa stabilire un adeguato risarcimento.

 di Lucia Portolano