Parco carbone a Enel, tra 39 mesi tutto sarà coperto

Centrale-Cerano-ENEL-Federico-II

CERANO (BR) – Un carbonile coperto a cupola, per il momento, esiste solo nella centrale Enel di Civitavecchia, ma tra 39 mesi due grandi cupole di legno lamellare saranno completate anche nella centrale ‘Federico II’ di Cerano.Si tratta di un investimento di 120 milioni di euro, due carbonili a cupola che per la loro realizzazione dovrebbero impiegare 300 persone. Un passo avanti per l’ambientalizzazione della più grande centrale termoelettrica in Italia, che sino a questo momento custodiva al suo interno montagne di tonnellate di carbone a cielo aperto, anche se utilizzava un sistema di gettito d’acqua per non far svolazzare le polveri nell’aria.

Un sistema che però che ha sempre lasciato perplesso il territorio. Oggi a Cerano alla presenza delle istituzioni locali e del Direttore generale di Enel Fulvio Conti c’è stata la posa della prima pietra, in una torrida giornata di luglio. Questo rientra nelle programma di miglioramento ambientale previsto da Enel per un valore complessivo di 500 milioni di euro. “Il carbone resterà comunque l’unica fonte che sarà utilizzata alla ‘Federico II’ – afferma il direttore generale Conti- e non ci sarà alcuna riduzione”.

Le Istituzioni locali chiedono ad Enel maggiore dialogo e partecipazione nella vita dello sviluppo della città. Intanto, si è interrotto il percorso iniziato per la firma delle convenzioni tra enti ed Enel. Ma il Sindaco Consales dice: “Non importa che si chiamino convenzioni, sono i risultati la cosa più importante”.

Pronto a firmarle subito le convenzioni è il Presidente delle Provincia Ferrarese, soddisfatto degli investimenti ambientali fatti in questi due anni: “Compreso il carbonile coperto che non era assolutamente – dice – previsto per legge”.

Per la vice Presidente della Regione Puglia Loredana Capone, invece, è arrivato il momento di battere i pugni sul tavolo del governo per ottenere il federalismo energetico, perchè questo è il territorio in Italia che produce maggiore energia.


di Lucia Portolano