Litiga al semaforo e tira fuori la pistola: denunciato

semaforo

LECCE – Ha risolto la questione puntando una pistola contro l’uomo con il quale poco prima aveva litigato: lo ha minacciato di morte e poi si è allontanato a bordo di una  Lancia y. Una bravata che è costata cara ad un ragazzo 22enne di Lecce che è stato rintracciato poco dopo dalla polizia e denunciato per minaccia a mano armata.

Il  litigio è avvenuto in mattinata, pochi minuti prima delle 9.00 sulla circonvallazione leccese, nei pressi dell’ incrocio semaforizzato di viale Rossini.

Due automobilisti hanno cominciato a litigare per motivi legati al traffico, a quell’ora tutto sommato non particolarmente caotico. Tra i due , da un’auto all’ altra, sono cominciate a volare le parole grosse sino a quando il 22enne ha estratto la pistola ed ha minacciato il suo avversario. Alla scena hanno assisitito diversi testimoni che hanno immediatamente allertato il 113 descrivendo il modello dell’auto, una Lancia y e fornendo anche il numero di targa.

Non ci è voluto molto alla polizia per rintracciare il mezzo e il proprietario. Nascosta sotto il sedile gli agenti hanno effettivamente trovato una pistola giocattolo priva del tappo rosso, del tutto simile ad un arma vera, che avrebbe quindi terrorizzato chiunche se la fosse trovata puntata contro. Il 22enne, leccese, sino a questo momento incensurato, è stato denunciato. Non ha saputo fornire giustificazioni per il possesso della pistola che è stata, naturalmente,  sequestrata.

di Mariella Costantini