Pdl agli Stati Generali, pensando alla Regione

pdl

LECCE – 9 ore per confrontarsi, parlarsi, ripensare agli errori fatti, correggerli e tracciare la strada del futuro. Il Popolo delle Libertà del Salento si prepara per gli Stati Generali che per una intera giornata avranno il compito di focalizzare i tre argomenti cardine: quale partito si vuole, il ruolo più incisivo dei giovani e quale Salento si vuole costruire. In mattinata si individueranno gli argomenti centrali che saranno poi approfonditi nelle sessioni del pomeriggio.

Un appuntamento che per tutto il partito è importante anche nell’ottica delle alleanze. L’allontanamento di Casini più proteso verso il Pd, non fa perdere la bussola dell’allargamento.

Prossimo argomento all’ordine del giorno saranno le regionali. Con il Governatore di Puglia Nichi Vendola intenzionato, per sua stessa ammissione, a sfidare Bersani e Renzi per la guida del governo centrale, il mandato in Regione potrebbe scadere anticipatamente. Dunque bisogna organizzarsi. Partendo dal voler rivendicare un candidato alla presidenza della Regione, del Salento, soprattutto considerati i risultati del Pdl in provincia di Lecce nelle ultime amministrative.

 Presto per fare nomi. Per ora nei corridoi, nei ragionamenti generali che si improntano, si fanno due nomi papabili: l’ex Ministro Fitto e l’ex Sottosegretario Mantovano. Anche considerato il “no” che durante la trasmissione “Tribù” di Giuseppe Vernaleone, Gabellone ha espresso in merito ad una possibile candidatura alle regionali del super suffragato Sindaco di Lecce Paolo Perrone. Resterà al Comune per i prossimi 5 anni.

 di Mari Tota