Calcio: De Finis lascia il Brindisi tra le polemiche

BRINDISI – E’ tutto scritto. Il calcio a Brindisi non deve crescere. Questa la motivazione principale alla base delle dimissioni di Annino De Finis, ormai ex socio di maggioranza del città di Brindisi, che con una lettera si è ufficialmente congedato. Ed è una lettera colma di delusione quella che l’imprenditore foggiano scrive ai suoi soci per ufficializzare le dimissioni.

Mette a disposizione del Presidente Roma le sue quote, gratuitamente. Ennesima attestazione di stima nei confronti dell’amico che ha voluto tutelare fino alla fine. Anche nei momenti in cui la polemica è diventata durissima. “Lascio gratis a Roma o ad altri imprenditori che volessero subentrare” – dice De Finis. Difende il mister Maiuri, ma ammette che sarebbe stato pronto a puntare su altri tecnici pur di non spaccare la dirigenza e spiega: “Puntavo a presentare un organigramma da ‘Corazzata’ per rinforzare la fiducia della tifoseria e l’immagine in Lega ed in Federazione. Invece è iniziata una campagna ‘pro Francioso’ nel rispetto della brindisinità, della economia, additandomi come colui il quale è contro Francioso, con continui articoli contro la mia persona”.

“Personalmente non conosco il sig. Francioso – chiarisce De Finis –  se non per averlo intravisto unitamente all’ex Presidente Quarta, durante le grandi manovre di Novembre, dove il Brindisi ha perso ben 7 punti”. Secondo De Finis c’è una chiara strategia. Hanno voluto ridimensionare i programmi perché, scrive: “Tanto Brindisi ha già la serie A di pallacanestro ed è giusto che si accontenti di vivacchiare in serie D con il calcio”.

E sull’ostinazione di voler puntare a tutti i costi sulla brindisinità dice: “Anche io circa 45 anni fa, organizzavo la squadra in questo modo, ma si trattava della squadra parrocchiale”. Insomma, arrivederci Annino. Ma non senza polemiche.

di Michele Iurlaro

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*