Lecce, si lavora a fari spenti

TESORO-

LECCE – La nuova proprietà sa bene che bisogna accorciare i tempi, visto il ritardo connesso all’acquisto in giugno inoltrato. Le fondamenta sono state gettate con l’individuazione del nuovo tecnico, un segnale forte e chiaro che la famiglia Tesoro ha voluto dare all’ambiente.

Il tecnico prima ancora della definizione dell’organigramma, con la scelta del vicepresidente e la collocazione di Antonio, che potrebbe essere il direttore generale. Le voci dei giorni scorsi non hanno ancora trovato conferme, e su questo stanno discutendo, vagliando tutte le opzioni, padre e figlio.

C’è poi la sede del ritiro precampionato, con tre località in lizza: quella storica (Tarvisio), Roccaporena o, addirittura, una sede estera. Poi c’è la costruzione della rosa che Lerda dovrà allenare. In attesa di chiarezza sul fronte calciocaos Antonio Tesoro ha già avviato i contatti con Benassi, Di Michele, Delvecchio e Giacomazzi, le cui conferme garantirebbero quel minimo di continuità con il passato per non dover cominciare completamente da zero.

Contatti informali, ma che rappresantano per i calciatori un passo importante dopo settimane di silenzio totale. In questi giorni si premerà sull’acceleratore ed entro la prossima settimana i Tesoro terranno la prima conferenza stampa da nuovi proprietari del Lecce.

di Raffaele Pappadà