Alfredo Pagliaro presidente del consiglio comunale a Lecce

Still0627_00002

LECCE – Il primo consiglio comunale del Perrone due porta a galla tutti i maldipancia all’interno della sua maggioranza dovuti al post giunta. L’occasione è l’elezione del presidente del consiglio, indicato da Paolo Perrone nella figura di Alfredo Pagliaro del Movimento Regione Salento. Il Pd, per bocca di Loredana Capone annuncia la scheda bianca, a causa della mancata condivisione della nomina anche con l’opposizione. Ma al partito democratico si accoda anche lecce bene comune e udc, e non solo, la fronda interna alla maggioranza fa lo sgambetto rimandando in terza battuta l’elezione di Alfredo Pagliaro con 19 voti, 8 bianche, 3 nulle, 2 voti per Antonio Lamosa, capogruppo di lecce città del mondo, incompatibile con la carica. Ma è evidente che è la vendetta covata dagli scontenti nei confronti di Perrone, visibilmente irritato dal comportamento di alcuni dei suoi. Per il neo presidente del consiglio, Alfredo Pagliaro, è fisiologico che ci siano ancora dei postumi da smaltire. Lui tira dritto a con tono conciliante promette di riportare armonia

La maggioranza indica il giovanissimo Paride Mazzotta di Grande Lecce la nomina a vicepresidente vicario. Viene eletto con 23 voti, quelli della maggioranza meno Fiorino Greco assente giustificato. 9 invece quelli dell’opposizione che riconferma Antonio Torricelli. Da oggi dunque si lavora, anche se mancano ancora qualche tassello per completare il puzzles. Il capogruppo del Pdl, ad esempio. In pole resta D’Autilia ma c’è chi vorrebbe Garrisi. Mentre gli altri componenti in consiglio comunale hanno quasi tutti espresso il proprio capogruppo: Ciccia Mariano per Io Sud, Antonio Lamosa per Lecce città del mondo, Daniele Montinaro per grande lecce, Carlo Salvemini per lecce bene comune, Paolo Foresio invece Pd.