Sequestrata mega discarica: 45mila mq eternit, pannelli solari e fuochi d’artificio

discarica

S.VITO DEI NORMANNI (BR) – 451mila metri quadrati, in pratica l’equivalente di 110 campi da calcio, una distesa immensa sulla quale giacevano incustoditi quintali di eternit, pannelli solari dismessi, batterie  di fuochi d’artificio, vecchi pneumatici e materiale edile. Di fatto una pericolosissima discarica a cielo aperto nascosta nei terreni agricoli tra San Vito dei Normanni e Latiano. Questa la sconcertante scoperta dei militari della Guardia di finanza di Brindisi che hanno provveduto al sequestro immediato.

L’area, proprio per la tipologia dei rifiuti speciali ivi stoccati, è stata valutata dalle fiamme gialle ad alto rischio ambientale. Per questo motivo la zona è stata transennata e delimitata in modo da vietarne l’accesso. Nel frattempo le indagini hanno portato ad individuare il proprietario del terreno che non risulta responsabile del materiale illecito stoccato, ma comunque obbligato alla bonifica immediata dei luoghi.

La maggiore preoccupazione è infatti la presenza dell’amianto già in fase di frantumazione e le cui polveri con estrema facilità si disperdono nell’atmosfera. Nel frattempo la Procura sta stabilendo la competenza territoriale, la discarica estendendosi per 451mila metri quadrati interesserebbe almeno due comuni, quello di San Vito dei Normanni e quello di Latiano.

Nelle prossime ore verranno quindi avviate le prime fasi per la bonifica. Mentre è già stato avviato un procedimento penale contro ignoti, difficile il lavoro degli investigatori che stanno cercando di ottenere qualche indicazione in più per identificare i responsabili attraverso il materiale stoccato, le batterie dei fuochi pirotecnici o i pannelli solari, potrebbero fornire  a breve dettagli utili .

di Lucia Pezzuto

 

Commenti

  1. L’ignoranza di certa gente purtroppo è molto radicata.Gente che sembra non preoccuparsi del proprio territorio smaltendo correnttamente pannelli e eternit