Lecce-San Foca: tutto pronto, domani si parte

MELENDUGNO (LE) – Una firma che vale 55 milioni di euro – 2,69 mln di euro a km – e un’attesa lunga 24 anni. È quella apposta sul contratto che dà il via ai lavori per la Regionale 8, la strada che collegherà, a quattro corsie, Lecce con San Foca.Sul tavolo, in Prefettura, da un lato le istituzioni regionali e provinciali, dall’altro l’Ati che eseguirà i lavori, composta dalla triade dei salentini “Leadri Srl” e “Montinaro Gaetano e figli Sas” e dei bolognesi del Consorzio Cooperative Costruzioni, lo stesso che si è aggiudicato il maxi appalto per il nuovo ‘Vito Fazzi’ e per la 275.

E’ così che giunge al capolinea la lunghissima vicenda fatta di alti e bassi, amministrativi e giudiziari, della “Circumsalentina”, per cui il Cipe, nel lontano 1988, aveva stanziato 110.770.000.000 di lire, finanziamento andato inizialmente perduto, dopo la sopraggiunta indisponibilità dei Comuni di Giurdignano e Otranto, e poi recuperato dall’Ati e dalla Regione.

Tempo che è servito a mitigare, almeno in parte, il forte impatto previsto agli inizi. Il tracciato di 15 km, con 10 rotatorie e un cavalcavia, si innesterà dalla tangenziale di Lecce, dallo svincolo del Fondone, e non da San Cataldo, per salvaguardare le Cesine. Corre verso le marine di Melendugno, con un tratto di strada che bypassa il centro di Vernole e che non si sovrappone alla strada preesistente, ma è in nuova sede. È lì vicino che verrà scavata anche la cava da cui estrarre i materiali che serviranno al cantiere. Risvolti sul paesaggio non indifferenti e contro cui hanno puntato il dito i movimenti ambientalisti.

“L’intento dell’intervento non è rendere la strada più veloce, ma più sicura”, viene ripetuto in Prefettura, perché oggi è classificata come “ad alta incidentalità”.

I lavori dureranno 36 mesi, con un cantiere aperto su due fronti. “L’appello è di completarlo entro la legislatura”, sottolinea l’assessore Fabiano Amati. Già nelle prossime ore partiranno gli espropri.

 di Tiziana Colluto


 
Abitare Pesolino

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*