Dopo la giunta, corsa alle partecipate

Il-municipio-di-Brindisi

BRINDISI – Ancora non c’è l’ufficialità degli eletti in Consiglio, ma i partiti di maggioranza a Brindisi dopo la scelta degli assessori, scelta condizionata dalle regole dettate dal Sindaco Consales, ora sono alle prese con la spartizione delle presidenze della società partecipate. Un modo anche per accontentare gli scontenti di una giunta che avendo visto la nomina di 4 donne non elette, non ha permesso di creare nuovi posti in Consiglio comunale.

Sul tavolo le società partecipate, o meglio la presidenza delle società. Quale il possibile scenario? Al Pd il primo  partito della maggioranza dovrebbe toccare la Presidenza del Consiglio comunale con Luciano Loiaco e quindi nessuna partecipata, anche se nel partito di Bersani sul nome di Loiacono c’è un po’ di maretta, con il malcontento di Monetti.

Ai partiti di Ferrarese, Udc e Noi centro, che insieme superano la percentuale del Pd dovrebbero andare due presidenze, la Multiservizi all’Udc e  la Brindisienergia a Noi centro, la prima potrebbe toccare a Giovani Ribezzo e la secondo a Cosimo D’Angelo. Noi centro e Udc dovrebbero seguire il criterio  del consenso elettorale. E il partito di Casini sarebbe alla ricerca anche di un posto per Nicola Siccardi, primo degli eletti che ha già siederà in Consiglio, ma per lui si pensa anche ad altro, forse come componente in qualche cda.

Restano da sistemare, o meglio da  spartire la guida del Porticciolo turistico e delle Farmacie comunali, una dovrebbe toccare al Pri, dove all’interno c’è Francesco Renna che scalpita e che vuol capire come va a finire per poi decidere se lasciare il partito oppure no,  e l’altra a Sel e Impegno sociale dove invece c’è Carmelo Palazzo già con il dente avvelenato dopo la nomina ad assessore di Dolores Fiorentino, moglie di Vito Gloria, coordinatore di Sinistra ecologia e libertà.  Queste le probabili distribuzione. Per ora si attende però che almeno l’assise sia ufficialmente a lavoro, perchè così sarà più chiaro chi siederà a Palazzo di città e chi no.

di Lucia Portolano