Rigassificatore, la societa’ va via, ma arriva l’ok del Ctr

rigassificatore capobianco

BRINDISI – Mentre la Lng ha fatto le valige, licenziando tutti e traslocando dalla sede di Brindisi, arriva l’ok alla sicurezza  per l’impianto. Proprio così il Comitato tecnico regionale (Ctr) nelle scorse ore ha dato parere favorevole per la concessione del Nof al progetto del rigassificatore a Capobianco.

Si tratta del nulla osta di fattibilità che ora sarà consegnato alla Brindisi Lng, documento indispensabile per realizzare l’opera. Il provvedimento è passato con 8 voti a favore e 6 contrari, hanno espresso il loro diniego Provincia, Comune Regione, Arpa e altri due membri. Ma la maggioranza ha dato il via libera.

Quanto questo potrà influire sul futuro del rigassificatore a Brindisi, al momento non si può prevedere, visto che il cantiere di Capobianco è stato confiscato dopo la sentenza di primo grado emessa dal tribunale di Brindisi. Per ora della Lng non c’è più traccia su questo territorio, avendo anche annunciato di non essere più interessata a Brindisi,  ma il Governo ha espresso più volte la volontà di voler sbloccare i rigassificatori in Italia, a questo si aggiunge ora anche il nulla osta di fattibilità per quello di Brindisi. Insomma  ancora una volta due poteri che vanno a scontrarsi.

 di Lucia Portolano