Migranti come cadaveri, a Lecce il flash mob per i rifugiati

QuattroStelle

LECCE – “7mila morti nel Canale di Sicilia e d’Otranto così ci volete?”. È una domanda schietta, cruda, quella posta durante il flash mob che si è tenuto questa mattina di fronte la Prefettura, a Lecce,per la Giornata Mondiale del rifugiato.

Una riflessione sulle morti dei migranti che scappano via mare o richiedono asilo politico. Una dozzina di loro ha inscenato il flash mob, lasciandosi cadere a terra, ricoperto dal lenzuolo. “Se la gente rischia la vita per scappare ci sarà una ragione, quali sono le vostre risposte?”, si leggeva in un cartello.

Al termine, i rappresentanti dell’Arci hanno incontrato il vice Prefetto per consegnare un documento stilato su scala nazionale e che sarà fatto recapitare al governo. La ricorrenza coincide quest’anno con il naufragio a sud di Leuca, per cui risultano ancora 7 dispersi. Si carica di senso, così, ancora di più l’appuntamento voluto dall’Assemblea Generale delle Nazioni Unite che da oltre dieci anni.

di Tiziana Colluto

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*