Semeraro allerta Perrone: “Senza Tesoro il Lecce è un problema tuo”

semer1
LECCE – Con puntualità svizzera la famiglia Semeraro ha bussato alla porta di Paolo Perrone, con la volontà, ora più che mai, di uscire presto di scena e non avere più nulla a che fare con il Lecce. D’altro canto la serie ‘B’ è matematica, ma lo spettro della Lega Pro aleggia sulla società di via Templari, in caso di accertamento di responsabilità diretta nell’inchiesta calcioscommesse.
Per questo forse, occorre fare presto e trovare una soluzione: chiudere quanto prima la trattativa con i Tesoro o, nel peggiore dei casi, consegnare tutto nelle mani del primo cittadino.
Per questo i Semeraro e Perrone si sono promessi di rivedersi nel fine settimana, quando il quadro, forse, sarà più chiaro sul fronte Tesoro. Tuttavia le parole del patron Giovanni, a fine incontro studiato per non farsi riprendere insieme al primo cittadino, sono perentorie: “Noi usciamo definitivamente dal mondo calcistico”. Tradotto: siamo irremovibili.
” I contatti con l’imprenditore di Spinazzola per la vendita della società proseguono, ma se fosse Lega Pro, la proposta dei Tesoro non sarebbe accettabile ” – dice Giovanni Semeraro. Sebbene poi, alla domanda diretta su possibili responsabilità extra sportive di persone riconducibili alla società, l’ormai ex patron glissa.
Sono le parole del Sindaco Paolo Perrone, in conferenza stampa, a ridare fiducia al popolo giallorosso. Il calcio a Lecce non muore, lo dice da primo cittadino, ma anche da tifoso. Il Sindaco è fiducioso sul possibile esito positivo della trattativa Semeraro- Tesoro.
Perrone spiega che già un anno fa, quando Semeraro disse di voler gettare la spugna, si è adoperato per poter trovare una cordata di imprenditori salentini disponibili ad acquistare la società. Ma i tempi sono difficili.
Ora dunque si attende il fine settimana per capire quale sarà il futuro del Lecce: se Tesoro o se la grana va al Sindaco che, presagendo queste rogne, ha preferito tenere per sè la delega allo sport.

Commenti

  1. roberto riviezzo scrive:

    premesso che IL dott. Giovanni Semeraro è un gentiluomo và ringraziato per quello che ha dato al Lecce. è pur vero che quello scriteriato del figlio Pierandrea ci riporta dove il padre ci ha preso . la serie C… ora capisco perchè a maggio di un anno fà quando il patron ha dichiarato che mollava tutto poichè non si riconosceva nel calcio , il riferimento era alla combine del figlio… i nodi tornano al pettine! dopo 30 anni non andrò più allo stadio provo solo vergogna….

  2. peppiniello da capua scrive:

    Con i soldi si puo’ comprare tutto, ma se nasci fessa, fessa rimani.