Palazzetto, il tribunale ordina al Comune: “Pagate la ditta”

tribunale_brindisi_02

BRINDISI – Ingiunzione di pagamento del Tribunale al Comune di Francavilla Fontana, in ritardo nei pagamenti del Palazzetto dello sport. 122mila euro che, però, secondo il Comune, non cambiano i programmi sulla data di consegna.

Non bastavano polemiche, ritardi, conferenze e promesse. Ora, ci mancava solo l’ingiunzione di pagamento del Tribunale di Brindisi. Oggetto: i ritardi nei pagamenti accumulati dal Comune di Francavilla Fontana nei confronti della ditta Edil Sar. Tom di Fasano, affidataria dei lavori di costruzione dell’ormai celeberrimo Palazzetto dello sport.

122mila e 133 euro, cui vanno aggiunti interessi di mora e spese generali, che il comune di Francavilla dovrà versare alla ditta, senza dilazione e quindi, in un’unica rata, entro i primi di luglio. Una bella stangata, per l’amministrazione guidata dal Sindaco Vincenzo Della Corte che, proprio in questi giorni, è alle prese con la stesura del bilancio. Una bella gatta da pelare anche per l’Assessore ai Lavori pubblici Antonio Andrisano, che solo qualche giorno fa aveva promesso la consegna del palazzetto entro giugno 2013.

Una data che, ingiunzione o no, promette l’amministratore non cambia. Resta il problema della liquidità. Le casse comunali dovranno fare a meno di una somma ingente, quella utilizzata per coprire il buco con la edil sartom. Restano, a margine, anche nuove polemiche, con il Capogruppo dell’Udc Luigi Galiano che accusa il Comune di aver nascosto i problemi relativi al palazzetto e, soprattutto, di aver proclamato una nuova data di consegna dell’opera che non sarà (non potrà) essere rispettata. Il Comune rilancia tutto al mittente ma, una nuova mattonella è stata posta. Che sia sul prospetto del palazzetto o sull’enorme e granitico muro delle polemiche, questo resta tutto da scoprire.

 di Michele Iurlaro